Metabolismo veloce ma non troppo

metabolismo-veloce-consigliLa velocità della vita quotidiana influenza anche la nostra alimentazione, e la distribuzione dei pasti durante la giornata.

Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia, che viene impiegata nelle condizioni di riposo, cioè in uno stato di rilassamento totale, dopo aver digiunato 12 ore. Equivale a circa il 70% del dispendio di energia totale. Il metabolismo basale diminuisce con l’età, ma può essere rallentato con l’esercizio fisico.

Distribuzione dei pasti e calorie consumate: la prima regola per regolare il metabolismo è abituarsi a fare colazione la mattina, e poi fare due pasti principali. Allenando il nostro metabolismo con costanza, possiamo ottenere i primi risultati.

Attraverso la colazione, diamo delle informazioni al nostro organismo, di quanto cibo abbiamo bisogno durante il giorno. Se non facciamo regolarmente colazione comunichiamo al nostro corpo di diminuire la sua efficienza, e la nostra macchina  rallenterà la propria attività.

Considerate che, le calorie durante il giorno da introdurre nel nostro organismo, dovranno diminuire durante la giornata, e che la sera la nostra cena, dovrà essere più leggera. Questo comporterà anche un miglior riposo notturno, eviteremo l’accumulo dei grassi durante la notte, e ridurremo lo stress.

Lo spuntino è fondamentale: sembra un paradosso ma è proprio lo spuntino ad aiutare il dimagrimento. Se facciamo  due spuntini eviteremo anche di sederci a tavola più affamati, sia per il pranzo, che per la cena. Avremo poi durante l’intera giornata energia disponibile, e l’apparato digerente, che resta sempre attivo, brucerà più calorie.

Regolare la glicemia: è l’insulina che regola la presenza di zucchero nel sangue, se il livello è troppo basso scatta il senso di fame, se il livello è elevato, sarà il pancreas a produrre l’insulina, ed equilibrare la situazione.

Mantenere una regolare assunzione di cibo e regolari pasti non farà intervenire il nostro pancreas per regolarizzare la situazione. Anche perché, se agisce l’insulina prodotta dalla nostra ghiandola, comporterà ancora una sensazione di falsa fame, uno stimolo di fame.

Attività fisica per accelerare il metabolismo: l’attività fisica è alla base della velocità del metabolismo, più è alto il dispendio energetico, maggiore sarà la velocità del nostro metabolismo.

I muscoli sono i tessuti che hanno bisogno di maggiori apporti proteici, e quindi sotto con esercizi fisici di almeno 40 minuti tre volte alla settimana. Ricordiamo di alternare esercizi aerobici ad esercizi tipo la corsa, il nuoto, lo step o i pesi. Aumentiamo così la massa magra e riduciamo i lipidi.

Segreti per la salute: con moderazione cominciamo a mangiare cibi piccanti che aiutano la sudorazione, facciamo una colazione ricca, beviamo del tè verde che aiuta l’organismo.