Mandorle e zenzero, virtù e benefici

Le mandorle, appartengono alla frutta secca, considerate da sempre un cibo afrodisiaco, perché aumentano il flusso sanguigno verso gli organi vitali. In commercio si trovano essiccate, intere e sgusciate, tostate e salate, ridotte in farina. Esistono le mandorle dolci e le mandorle amare, che contengono o meno amigdalina, che dà il sapore amaro.

La mandorla amara, frutto del mandorlo domestico, simile a quella del mandorlo selvatico, è di dimensioni piccole e leggermente tossica, viene usata in quantità ridotte nella produzione di liquori e di amaretti.

Le mandorle tanto più sono amare, tanto più sono tossiche, -10 semi sono sufficienti a provocare un avvelenamento mortale nei bambini, per un adulto la dose sale a 0-60 semi.

Come preparare gli amaretti alle mandorle: preparate il forno a 125°, rivestite la teglia nella quale poggerete gli amaretti, frulliamo 125 g di zucchero, insieme ai 175 g di farina di mandorle, fino a ridurla finemente. Aggiungete poi un cucchiaio di acqua di rose, un albume precedentemente montato a neve, con un pizzico di sale. L’amalgama deve avere una consistenza densa. Inumidiamo le mani e procediamo alla realizzazione di tante palline, che poggeremo sulla teglia, ad una distanza giusta, per evitare che si tocchino durante la cottura. Al centro di ogni amaretto potete aggiungere una mandorla. Dopo venti minuti gli amaretti sono cotti, dovrete solo spolverizzarli, con lo zucchero a velo. Se volete potete conservarli in una scatola di latta.

La mandorla contiene acidi grassi insaturi, proteine, vitamine del gruppo B, come la tiamina, la riboflavina, l’acido folico e tanti sali minerali, ferro, calcio e magnesio. Il suo enzima, emulsina, favorisce la digestione degli amidi. Un consiglio è proprio quello di consumare le mandorle con verdure ed ortaggi, e frutta acida.

Le sue proprietà sono tante, è indicata in caso di demineralizzazione, viene infatti consigliato il consumo a chi soffre di anemia; per le sue virtù combatte la dermatosi e la stitichezza. Ha proprietà antinfiammatorie. Viene consigliata nelle diete dei soggetti, che soffrono di colesterolo alto. Per il suo ridotto contenuto in laetrile, è stata indicata come frutto antitumorale.

I lati negativi di questo  seme oleoso:  è controindicato in caso di obesità, ulcera,  patologie del fegato, ipertensione e acetone. Le sue calorie per 100 grammi di prodotto sono pari a 580 calorie. Nel corso dei secoli le mandorle hanno simboleggiato la fertilità e stimolato il piacere femminile.

L’olio di mandorle dolci nella cosmesi: la mandorla dolce mantiene la  pelle elastica, dona vitalità ai capelli, viene infatti utilizzata per la cura dei capelli, soprattutto quelli grassi e con la forfora; e per la cura delle unghie, che fortifica. Infatti le mandorle contengono, alfa-tocoferolo, vitamina E, che nutre i capelli e la pelle. Ha proprietà lenitiva, ammorbidisce le zone trattate, e previene le smagliature.

virtu delle mandorle e dello zenzeroL’olio di mandorle viene utilizzato  nelle maschere contro le occhiaie, e le borse, poiché migliora il microcircolo sanguigno.

Le virtù dello zenzero: un sapore in contrapposizione con quello delle mandorle è quello dello zenzero, altra spezia, utilizzata in cucina in tante ricette. Lo zenzero è ricavato dal rizoma della pianta, in molti paesi dalle Indie alla Cina, all’Europa proprio per il suo sapore moderatamente piccante.

Anche questa spezia ha tante virtù tra cui, migliorare la digestione, calmare la nausea, accelerare la guarigione da tosse e patologie influenzali. Un tè caldo allo zenzero, allevia i reumatismi, il mal di testa ed il raffreddore. Può essere usato anche nei casi di mal d’auto, nausea come antispasmodico. Lo zenzero ridotto in polvere è al terzo posto come contenuto in antiossidanti. La sostanza attiva dello zenzero è il gingerolo, antitumorale ed antinfiammatorio.

Scrub tonificante allo zenzero e argilla: prendiamo una ciotola e mettiamoci un cucchiaio di sale fino, mezzo cucchiaio di zenzero in polvere, due cucchiai di olio di oliva, 10 gocce di olio essenziale all’arancia. Aggiungiamo anche un cucchiaio di argilla verde, mescoliamo il tutto.

Prima di fare la doccia, massaggiamo soprattutto sulle zone interne delle cosce, sulle gambe glutei e talloni. L’azione esfoliante del sale procederà ad eliminare le cellule morte. Lo zenzero agirà da rivitalizzante ed energizzante. Mentre l’olio di oliva completerà il trattamento nutrendo la pelle di tutto il corpo. L’olio essenziale di arancia ci metterà di buon umore. Dopo qualche minuto risciacquiamo con acqua tiepida.

Lo zenzero e le mandorle sono spesso utilizzati in cosmesi per associare le loro virtù, ad esempio nella realizzazione di saponi per la cura del corpo, a base di olio di mandorle dolci, insieme al rigenerante zenzero. Il sapone solitamente è a base di olio extravergine d’oliva,