Le calorie vuote dell’alcol

calorie alcoolSi parla spesso di alimentazione e diete, di  migliorare lo stile di vita e di modificare il rapporto con il cibo, ma a volte si dimentica, che anche l’alcool nasconde le sue calorie.

In virtù della salute del nostro corpo è bene considerare, con un po’ di attenzione, le calorie contenute negli aperitivi alcolici e analcolici, che consumiamo, ma di cui non ci rendiamo conto.

Alcolici e superalcolici: distinguiamo le bevande alcoliche, come il vino o la birra, che hanno un contenuto alcolico pari all’1,2% in volume, da quelle superalcoliche, liquori e distillati, che superano il 21% in volume.

La birra, ad esempio si ottiene dalla fermentazione del malto d’orzo o altri cereali, ma anche da alcuni tipi di frutta, come la castagna. Il sidro si ottiene dalla fermentazione del succo di mele, ed il vino dalla fermentazione di uva o mosto d’uva. I liquori si ottengono mescolando alcol etilico con zucchero e aromi, lasciati a lungo a macerare.

Alla base della preparazione di tutte queste bevande, ritroviamo sempre un paio di  elemento, che dobbiamo associare al contenuto calorico, lo zucchero e l’alcol. Un grammo di alcol infatti contiene ben 7kcalorie.

Ma le calorie nascoste sono quelle presenti nei cocktail, che mescolano, succhi di frutta o bibite, all’alcol e alla gradazione.

Le calorie vuote dell’alcool: le calorie dell’alcool vengono denominate calorie vuote, perché l’alcol non ha nessun effetto sul grasso,  bensì sull’aumento di peso corporeo. Inoltre il suo elevato consumo è anche dannoso per la salute.  Dopo i grassi, l’alcol è l’alimento che apporta maggior numero di calorie.

Se vogliamo rapidamente fare dei confronti, possiamo dire che 1 grammo di carboidrati apporta 4 kcal, 1 grammo di grassi apporta 9 kcal, 1 grammo di proteine ci danno 4 kcal, mentre 1 grammo di alcol ben 7 kcal. Il fegato, che è l’organo preposto all’azione di filtrare, lo accumula sotto forma di trigliceridi. Ma anche un solo bicchiere di vino da 150 cl, tiene impegnato il fegato per due ore.

Gli happy hours e l’alcol: spesso il consumo dei drink avviene in situazioni di relax, con amici a chiacchierare, e proprio per questo motivo siamo portati a consumare, anche  gli snack, che accompagnano gli aperitivi stessi, come patatine, pizzette, olive, stuzzichini, formaggio. Tutte sostanze dannose per la linea e nocive per il nostro organismo, che non ha affatto necessità di alcool.

Un drink amico della bellezza:  il drink della salute che possiamo suggerire, potrebbero essere i centrifugati di ortaggi. Un esempio? Il succo di pomodoro concentrato, che contiene poche calorie, con l’aggiunta di arancia, mela e carote.  Aggiungiamo poi un po’ di limone, dei cubetti di ghiaccio ed ecco servito un drink salutare.

 Aperitivo salutare questa volta anti-aging, che possiamo suggerire è costituito da mandorle, dal contenuto elevato di magnesio e  vitamina E, associate ad un vino rosso. Il vino potrebbe essere della varietà di lambrusco, come il Grasparossa, con il suo maggior contenuto del resveratrolo. Tale sostanza si trova nella buccia dell’acino d’uva e fortifica i vasi capillari. La varietà Grasparossa è ricca anche della componente antocianina.