La dieta delle spezie

Arriva l’inverno e i chili aumentano. Una dieta che si può fare in questo periodo è quella delle spezie; il loro utilizzo serve per conferire più gusto ai cibi e aiutano a contrastare il senso della fame.

 

Gli esperti in materia hanno stabilito che per svegliare il metabolismo lento delle persone in sovrappeso, bisogna mangiare alimenti leggeri ma dal gusto piccante, in quanto favoriscono la digestione, liberando il corpo dalle tossine grazie alla loro azione di contrasto alla fermentazione dei cibi nel nostro organismo, aiutandoci così ad ottenere un corpo asciutto e tonico. Le spezie sono ottimi ingredienti, perché ricche di vitamine e Sali minerali. Bisogna introdurle in un regime alimentare ipocalorico, associato ad una regolare attività fisica, 30 minuti al giorno di camminata a passo sostenuto sono l’ideale. Da preferire il peperoncino, l’aglio, la senape, la rucola soprattutto quella selvatica perché più piccante e i ravanelli. Seguendo una dieta di 7 giorni si possono perdere fino a 2 chili.

La pasta e i cereali, quali l’orzo e il riso, possono essere consumati a giorni alterni fra loro, entrambi 2 volte la settimana. Per i secondi piatti privilegiare la carne bianca e i tagli magri di manzo da consumare per 3 volte la settimana. Mangiare pesce 2 volte la settimana privilegiando il pesce spada e la rana pescatrice. Consentito l’uso di uova e ridurre drasticamente il consumo di salumi e latticini, ad eccezione dello yogurt. Un giorno alla settimana si possono mangiare formaggi magri come il primo sale, la ricotta e il caprino. Come contorno insalate e verdure di stagione. Bere almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno, diminuire il consumo del sale sostituendolo con le spezie da usare in quantità a piacere. Nelle insalate aggiungere rucola, ravanelli o rafano. Non saltare mai i pasti.