Il carrubo e le sue tradizioni antiche da riscoprire

carrubo e le sue tradizioni

Sentite un po’ come ci ha parlato una pianta da noi riscoperta grazie ai nostri nonni. «Come non mi conoscevate? Io sono arrivata in Italia grazie ai Greci e in seguito gli Arabi mi hanno coltivata in più zone.

Immaginate che i miei semi, i “carati” venivano utilizzati come unità di misura delle pietre preziose. Inoltre, quando non c’era il benessere, gli uomini e le donne si alimentavano grazie ai miei frutti, le carrube».

Oh, interessante! Ma questo accadeva anticamente e oggi chi ti utilizza? «Sarei ancora molto utile se mi conoscessero di più. Potrei servire per la preparazione di un surrogato del cacao e come prodotto naturale per la cura di malattie intestinali. I miei frutti sono privi di glutine e potrei nutrire senza problemi i celiaci».

Ma come siamo stati fortunati a riscoprirti. Sai cosa faremo? Inviteremo gli agricoltori che hanno sostituito i carrubeti con altre colture più redditizie, a ridarti l’impor tanza che meriti. E poi ognuno di noi da oggi potrà adottarti nel suo giardino!