Depurazione e drenaggio per stare bene

 

Quanto tempo dedichiamo veramente alla depurazione del nostro corpo? Quante volte ci lamentiamo della cattiva digestione, delle impurità sulla pelle, della stipsi e non pensiamo che possano essere i sintomi di un accumulo di tossine ed impurità nel nostro organismo. E’ vero che il nostro corpo è di per sè in grado di depurarsi e di drenare le sostanze tossiche che accumuliamo  tramite l’urina, il sudore e le feci ma va aiutato a svolgere questo compito. Questo processo di “smaltimento dei rifiuti” viene operato dai seguenti organi: reni, polmoni, fegato ed intestino che sovente noi affatichiamo senza nemmeno rendercene conto o senza badarci troppo finchè il nostro corpo non cede. Se aiutiamo questo procedimento nel modo corretto tutto il nostro corpo ne trarrà giovamento. Smaltire le tossine ed i liquidi in eccesso è fondamentale per evitare gonfiori, dermatiti e problemi respiratori e renali. Un organismo depurato è sinonimo di benessere e salute.

La depurazione è un processo che parte principalmente dal fegato una ghiandola che ha bisogno costantemente di essere curata e disintossicata poichè le sue funzioni sono molteplici ed essenziali per la nostra esistenza. L’affaticamento del fegato può essere dovuto alle malattie, i farmaci, la scorretta alimentazione e l’abuso di sostanze tossiche possono creare non pochi problemi e comporta sonnolenza, difficoltà di digestione e dell’assorbimento dei grassi. E’ utile perciò fare uso di piante e cibi depuranti che possiamo mangiare o assumere in forma di tisane, fra questi cibi troviamo: il carciofo, il card mariano, la cicoria, le banane, l’ananas, la curcuma, il tarassaco, la bardana, la betulla, i cavoli e gli asparagi. I liquidi sono fondamentali assunti tramite l’acqua, almeno due litri al giorno e tramite le tisane depurative e disintossicanti a base di rodiola, garcinia cambogia, guaranà, cassia nomane. Molto bene anchè il tè verde ideale per depurare.