Curare la pelle del viso Peeling

curare pelle del viso con peelingUn buon metodo per curare la pelle del viso è il peeling, questo termine inglese letteralmente significa sbucciare, pelare dal verbo to peel. In campo della cosmetica consiste in vari trattamenti mirati a rendere la pelle del viso più levigata e luminosa. In passato per queste operazioni si usavano pietre pomici, il succo di limone o di altri agrumi, le polveri estratti dalle piante o dai fiori.

Sostanze acidule atte a esfoliare la pelle, in questo modo che si tende ad accelerare il ricambio delle cellule morte e viene a crearsi una maggiore quantità di collagene naturale che rigenera la nostra pelle. Questo trattamento è utile non solo per rendere la pelle del viso più luminosa, ma anche per attutire eventuali cicatrici, smagliature e attenua anche l’invecchiamento cutaneo.

Ci sono diversi tipi di peeling che si differenziano, in base alla profondità alla quale agiscono, possiamo quindi fare un peeling preparatorio (poco aggressivo, facile da fare anche a casa), debolissimo, debole, medio – debole, medio e forte. Secondo il tipo di peeling migliorano i risultati che si ottengono, ma aumentano anche i pericoli per pelli particolarmente delicate. Per fare un peeling casalingo, possiamo usare una delle tante creme esfolianti che troviamo in commercio, queste creme possono essere di due tipologie.

Ci sono creme esfolianti a cosiddetta azione meccanica e altre ad azione chimica. Le prime agiscono sulla pelle con gli abrasivi naturali in essa contenuti.  Le seconde contengono vari tipi di acido, come l’acido glicolico e gli acidi della frutta. Se si ha un tipo di pelle grassa, si possono utilizzare queste creme esfolianti, anche due o tre volte alla settimana per un peeling delicato.

Se invece abbiamo la pelle molto sensibile, si consiglia questo trattamento ogni quindici giorni. In entrambi i casi dopo l’utilizzo di un prodotto esfoliante è buona abitudine fare uso di una buona crema idratante, adatta al nostro tipo di pelle.