Asparagi: proprietà depurative e calorie, delle delizie di primavera

asparagi proprietà

Gli asparagi, verdi, bianchi o violetti sono una prelibatezza, che annuncia l’arrivo della bella stagione.

Gli asparagi erano già conosciuti al tempo degli Egizi, ed erano anche molto amati al tempo degli antichi Romani, si tratta di germogli ricchi di fibre e vitamine.

Gli asparagi si possono utilizzare come un semplice contorno, ma possono essere valorizzati in tante ricette gustose. Il colore varia dal verde, di Altedo, nelle varie tonalità, al bianco di Cimadolmo, e di Bassano, al violetto di Albenga e di Napoli. Gli asparagi si raccolgono in primavera, dalla fine del mese di marzo a tutto giugno, con germogli ancora teneri.

Gli asparagi nelle diete: gli asparagi sono poco calorici, e particolarmente indicati nelle diete ipocaloriche, con proprietà depurative, favorisce l’eliminazione delle tossine. L’elevata presenza di rutina, rinforza le pareti dei capillari. Alcuni dei componenti degli asparagi sono metabolizzati ed espulsi con le urine.

Sono infatti controindicati in caso di iperuricemia, gotta e calcoli renali e malattie urinarie.

Hanno un alto contenuto in calcio, fosforo e potassio e sono privi di colesterolo, preziosa virtù, che ci fa pensare di volerne mangiare una doppia porzione.

Gli asparagi in cucina: i più carnosi sono ideali bolliti, quelli sottili sono ottimi per frittate, risotti, visto il delicato sapore dell’asparagina, lasagne e zuppe.

Si possono lessare e condire, con olio e parmigiano o uova fritte. Ma gli asparagi sono ideali anche per antipasti, ragù o arrosti.

Gli asparagi si possono lessare a vapore nell’apposita pentola lunga e stretta, per 12-18 minuti, oppure in una comune pentola, riunito a mazzetti e in posizione verticale; l’acqua di cottura non deve mai superare la metà della lunghezza dell’asparago.

L’asparago bianco, verde o violetto, è adatto a tutte le preparazioni, saltato con burro e parmigiano, accompagnato con uova alla coque, servito con vinaigrette, salsa maltese, quello selvatico è indicato per le zuppe e le frittate.